Dal ‘Delle Arti’ di Salerno al ‘Sistina’ di Roma, con “Voci e Suoni della Grande Guerra”

Dopo i sold-out salernitani, in scena a Roma con uno spettacolo patrocinato dal Ministero della Difesa e dal Miur

Si è conclusa lo scorso 1° aprile la rassegna “Napul’è Mille Culure”, quattro appuntamenti per rendere omaggio al grande teatro napoletano. Al Teatro delle Arti di Salerno circa 2000 spettatori in totale hanno assistito agli spettacoli diretti da Gaetano Stella e Claudio Tortora. “Un grande successo che speriamo di ripetere nella prossima edizione” – ha detto Alessandro Caiazza, direttore organizzativo di TeatroNovanta.

È già aperta, infatti, la campagna abbonamenti 2016/2017. Saranno ancora i colori della città di Napoli a far da sfondo alla terza edizione, che si concluderà con lo spettacolo musicale “Campania That’s Amore”, tripudio delle canzoni più belle della tradizione classica partenopea dal 1890 al 1930. Le coreografie saranno di Pina Testa.

Non solo teatro: reduce dalla vittoria del bando per l’allestimento del Museo del Paleolitico nella Grotta della Cala a Camerota, TeatroNovanta ha organizzato “Dal Paleolitico al Medioevo”, kermesse per valorizzare il ricco patrimonio storico culturale cilentano.

Giovedì 5 maggio si ritorna sul palco, nel prestigioso Teatro Sistina di Roma, con “Voci e Suoni della Grande Guerra”, spettacolo che gode del patrocinio del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e del Ministero della Difesa. Dopo il debutto a Ginevra e le tournée in Europa, America, Argentina, Canada e Giappone è la volta dell’Italia, in occasione del centenario della Grande Guerra. L’obiettivo è promuovere la conoscenza, la salvaguardia e la valorizzazione delle vicende storiche, culturali e civili che hanno caratterizzato il nostro paese attraverso immagini, voci e musica.